Raccolta di racconti erotici per adulti e storie porno vere in italiano da leggere online scritte da varie autrici e autori

Sonia

E’ un sabato mattina e decido di fare un po’ di pulizia nei miei due cassetti della lingerie, dove sono anni che accumulo completini più o meno sexy. Quando ho finito mi rendo conto che ho buttato via quasi un terzo del mio intimo, e decido di coinvolgere mio marito Pietro nei nuovi acquisti.
“Senti ho buttato via un po’ di mutandine e reggiseni che non usavo più, so che tu vuoi che tenga tutto, ma queste erano decisamente andate e poi, non le indossavo più. Se vuoi andiamo insieme a comprare qualcosa di nuovo, anche qualche bel completino sexy, che ti piace tanto toccare e leccare quando li indosso.” gli propongo già sapendo la sua risposta.
Da lì a poco, ci mettiamo in auto e andiamo al solito negozio di intimo, che ormai frequentiamo da tempo. La titolare è Stefania una bella donna sulla quarantina molto affabile, con la quale nel tempo ho stabilito qualcosa che va al di la del classico rapporto tra cliente e negoziante.
Per esempio Stefania sa che lavorando presso una nota griffe di abbigliamento, ogni tanto indossavo io i modelli per un ultimo controllo prima di mandarli alla produzione.
Una volta entrati in negozio, Pietro si siede un una poltroncina proprio di fianco al camerino, e non c’è quasi bisogno che spieghi a Stefania quel che cerco.
Lei conoscendo bene i suoi gusti, inizia a mostrarmi diversi capi, che provo lasciando leggermente aperta la tendina, in modo che mio marito mi guardi, eccitandosi ancor di più quando è la padrona del negozio ad aiutarmi soprattutto coi reggiseni.
“Senti Sonia se vuoi posso farti un po’ di sconto, ma però avrei bisogno di un piccolo favore.” mi dice Stefania mentre imbusta i miei acquisti.
“Ma certo di che si tratta ?” le domando incuriosita.
“Ho alcune clienti molto facoltose, che però non amano venire a fare acquisti in negozio, sai com’è incasinato oggi il centro. Queste donne, preferiscono stare comodamente sedute su una poltrona, con un buon bicchiere di vino e guardare la modella sfilare davanti a loro, così si fanno un’idea più chiara della lingerie che vogliono acquistare, anche perché a loro propongo sempre capi molto sexy. Per alcuni anni, ho avuto un paio di modelle che alternandosi venivano la sera a casa mia per sfilare, ma ultimamente una si è trasferita e l’altra ha avuto un figlio da poco, se ti va di sfilare per me, ti offro cinquecento euro a serata, come d’altra parte facevo con loro.”
“Tu che ne pensi ?” chiedo a mio marito che so già accetterà, se non altro per non pagare il conto.
“Se va bene a te ?” mi risponde alzando le spalle.
Con Stefania ci mettiamo d’accordo per mercoledì sera, anche se lei mi darà una conferma il giorno prima, dopodiché rifacciamo il conto che si riduce a poco meno di trenta euro.

Come d’accordo Stefania mi chiama martedì, facendomi anche un paio di richieste.
“Allora l’appuntamento è a casa mia, domani sera alle 20:00 non cenare che tanto preparo io qualcosa.” di dice con tono molto amichevole “Scusa, vorrei chiederti una cosa, sai non ho osato chiedertelo davanti a tuo marito, non volevo pensasse chissà cosa, comunque vorrei chiederti se ti andrebbe di depilarti completamente ? Sai per esaltare meglio la lingerie che indosserai, magari se puoi indossare una décolleté con tacco 12, con il tuo bel fisico, le mie clienti rimarranno di stucco e mi farai vendere molti capi.”
“Certo non c’è nessun problema.” le rispondo “Tanto è qualcosa che avevo già in programma, e così non ho più scuse per rimandare.”
Stefania mi anticipa che ci saranno almeno due sue vecchie amiche, Donatella che ha una grossa farmacia in centro, Giulia una nota avvocatessa e forse anche Giovanna, un’imprenditrice di cui non ho mai sentito parlare.
Alle otto di sera, puntuale come un orologio svizzero, mi presento a casa di Stefania, che subito mi presenta le sue due amiche, scusandosi per l’assenza di Giovanna, e offrendomi un fluté di champagne.
“Guarda che io l’alcool lo reggo veramente poco.” le confesso assaggiando quel nettare.
“Ma di cosa ti preoccupi ? Siamo tutte donne !” mi risponde ridendo.
Mentre bevo diversi bicchieri osservo con calma le tre donne. Giulia, una donna piuttosto alta con dei capelli neri raccolti in una coda, è vestita con pantaloni e giacca neri, sotto ha una camicetta in chiffon beige, che lascia intravedere un reggiseno in pizzo nero che la rende molto sexy. Donatella che invece è biondissima, ha un classico tailleur chiaro che non lascia vedere nulla di quello che ha indossato sotto, mentre Stefania ha un bell’abito verde che sembra le sia stato cucito addosso da quanto è aderente.
“Tuo marito è a casa che ti aspetta ?” mi chiede Stefania con noncuranza.
“No è uscito con amici e tornerà tardi.” le rispondo iniziando ad accusare lo champagne che ho bevuto.
“Bene così abbiamo un po’ di tempo per noi. Allora voi due cosa mi raccontate.”
Giulia e Donatella iniziano a parlare del solito pettegolezzo da parrucchiera, sino a quando Stefania non decide che è giunto il momento di farmi guadagnare il mio ingaggio.
“Bene, bando alle ciance. Sei pronta Sonia ?”
“Sì anche se a dire la verità mi sento molto euforica, sai dev’essere lo champagne.”
Mentre Giulia e Donatella fanno un po’ di spazio, spostando un piccolo tavolo in modo che poi ci possa sfilare attorno, Stefania ed io ci rechiamo nella sua camera, dove trovo già pronti i capi che dovrò indossare.
“Ohh vedo che ti sei depilata, sei stata di parola.” mi dice non appena sono completamente nuda.
“Sì ma non solo perché me l’hai chiesto tu, è anche per essere più comoda.” le rispondo mentre indosso un ridottissimo perizoma, a cui lei poi abbina una fantastica guepieré in tulle nera e delle calze velate di seta color fumé con la riga dietro.
Una volta tornata dalle due clienti, Stefania mi coglie un po’ di sorpresa con un’insolita richiesta.
“Ti dispiace se faccio un video della sfilata ? Così posso mostrarlo a Giovanna senza più disturbarti, avrebbe dovuto venire anche lei questa sera, ma per motivi di lavoro non ha potuto.”
“No anzi poi magari me ne dai una copia per mio marito” le rispondo ridendo.
“Possiamo toccare la stoffa ? Sai com’è voglio capire bene com’è fatta questa sciccheria.” mi domanda Giulia sfiorandomi un ginocchio.
“Certo che sì ! Solo lo champagne mi ha reso molto euforica, spero non sia un problema.”
Stefania inizia a descrivere quello che indosso, ma quasi subito le due donne mi toccano con sempre più insistenza sia le calze, ma anche il perizoma, finendo col palparmi il sedere.
Non dico nulla perché in fondo siamo fra donne, ma anche perché sto perdendo ogni freno inibitore, e quelle avance poco celate iniziano a piacermi.
Tornando in camera,Stefania mi fa indossare qualcosa di fin troppo estremamente sexy. Prende infatti un reggiseno a balconcino che lascia completamente scoperto il seno , delle mutandine in tulle, con uno spacco tra il solco delle natiche ed il pube, lasciando bene in vista la passera. Mi fa indossare anche delle splendide autoreggenti nere con una balza decisamente alta.
Prima di uscire dalla camera Stefania mi strizza i capezzoli, facendoli indurire come due chiodi che puntano in avanti.
“Scusa se mi sono permessa, ma così esaltano meglio il reggiseno.” mi sussurra all’orecchio sfiorandomi il lobo con le labbra.
La sfilata fa impazzire Donatella e Giulia, ormai su di giri, le quali iniziano a toccare la lingerie ma soprattutto me e con sempre più vigore.
“Perché non ti siedi qui tra di noi ? Dai falle un po’ di posto.” dice Giulia a Donatella che oramai hanno entrambe le mani sul mio corpo seminudo.
Non faccio in tempo a sedermi che la farmacista m’infila una mano nel già striminzito reggiseno, mentre l’altra versa ancora champagne nei fluté.
“Sei molto sexy ed eccitante lo sai ?” mi dice Donatella “Noi qui siamo tutte felicemente sposate, ma ci piace ritrovarci una volta la settimana tra di noi, lontane dai mariti che non sanno nulla del nostro essere bisessuali. Anzi proprio quando siamo fra noi ci piace essere delle maiale senza tabù, quando non finiamo col parlare come delle gran troie.”
“Capisco.” le rispondo sempre più euforica.
Donatella che è seduta alla mia sinistra, inizia a far scorrere la mano sulla coscia, per poi arrivare alle mutandine e sfiorarmi la passera. Tento di toglierle la mano, che si sta facendo sempre più audace, ma lei non demorde e poco inizio a bagnarmi.
“Allora ti piace troia ? Sai mi piace molto come sei truccata, con quel rossetto rosso scarlatto che ti rende ancora più sexy.” mi dice prima d’infilarmi la lingua in bocca.
Apro le labbra segnando così la mia resa incondizionata, ma non so che quello è solo l’inizio. Giulia infatti inizia a toccarmi il seno, e quai per reazione lascio la bocca di Donatella per voltarmi verso l’avvocatessa, ma chi gioca con la mia lingua non ha nessuna intenzione di cederla all’amica.
La farmacista infatti mi stringe un po’ il clitoride facendolo gonfiare, e a quel punto mi esce ben più di un gemito di piacere.
“Questa troia è più eccitata di noi !” esclama Donatella che comprendo essere la più dominante delle tre “Adesso mi spogli così mi metto a pecora sul divano. Voglio che mi lecchi culo e figa, voglio sentire la tua lingua avida del mio piacere tra le mie cosce, e sapere che ti stai eccitando nel farlo, e poi farai lo stesso anche con loro. Dovrai leccarmi per bene se vuoi farmi godere e bere ogni goccia dei miei umori senza sprecare nulla. Questa sera sarai la nostra puttana, quindi guadagnati il compenso che ti abbiamo dato.”
Comprendo in quel momento che Stefania mi ha di fatto venduto come una comune puttana alle sue amiche, ma tutto ciò non solo non mi da alcun fastidio, ma anzi mi fa eccitare ancor di più.
Come Donatella si alza in piedi inizio a spogliarla molto velocemente, poi lei si sistema carponi sul divano e non mi resta che affondare la lingua fra le sue cosce.
“Dai, siii continua così troia, sei fantastica, passami bene la lingua sul culo.. ohh siii così fammi godere.” mi dice la donna che gode senza alcun ritegno.
Stefania continua a filmare la scena inquadrando bene il mio viso fra le chiappe di Donatella, mentre Giulia mi passa un dito fra le grandi labbra, facendomi gemere per il piacere, tanto che istintivamente anch’io mi porto una mano fra le gambe.
“Non ci provare neanche per scherzo !” mi rimprovera la farmacista dandomi anche uno schiaffo sulla mano “Prima dovrai far godere tutte e tre, e solo dopo potrai avere il tuo orgasmo.”
Vedo la donna spogliarsi per poi mettersi di fianco a Donatella e iniziare a sditalinarla molto lentamente, mentre io continua a leccarle la passera e tutto ciò che ne esce.
Non faccio in tempo a bere l’orgasmo della farmacista, che l’altra prende il suo posto, anche se lei preferisce sdraiarsi sulla schiena, costringendomi ad inginocchiarmi per terra per poter arrivare alle sue porte del piacere.
“Mm com’è brava questa puttana !” mi dice Giulia spingendomi la faccia dentro le sue cosce “Voglio sentire la tua lingua dentro il culo come se fosse un piccolo cazzo.”
Non mi rimane che obbedire sempre sotto la ‘regia’ di Stefania, mentre Donatella s’è messa vicino alla sua amica per baciarle ed infilarle due dita dentro la passera.
Le due amiche continuano ad insultarmi senza sosta, il che mi eccita tanto che se ne accorge anche la padrona di casa, che infatti mi passa due dita fra le gambe per poi gustarne il sapore.
“Non sapete com’è bagnata questa gran troia. Non vedo l’ora che finisca di farci godere per scoparla come merita una puttana del suo calibro.”
Le parole di Stefania mi mandano fuori di testa insieme all’orgasmo che Giulia mi schizza in faccia, ma come prima non ho quasi il tempo di muovermi, che la negoziante passa la videocamera a Donatella, per poi mettersi carponi sul divano.
“Sai già cosa fare quindi muoviti e fammi godere.” m’intima Stefania che ha il sedere più grande del terzetto.
Vorrei poter dar sfogo al mio infuocato desiderio, la fica mi sta per scoppiare tanto è gonfia, ed il clitoride spunta come una vetta, ma non ho ancora il permesso per godere. Per infierire ulteriormente, Donatella mi passa velocemente un dito nello spacco, che mi fa emettere un gemito, così supplico le tre donne di lasciarmi godere, ma Stefania mi ordina di leccare anche a lei il culo e la fica.
Non mi rimane che aprirle il più possibile le chiappe per far passarci la lingua in mezzo, cercando di farla godere il più possibile.
“Dai leccarmi come una vera puttana quale sei, infilami tutta la lingua in culo troia, sii così, leccami e bevi tutto vacca.”
Nel frattempo, Donatella ha passato la videocamera a Giulia, che m’insulta anche peggio di Stefania, per prendere da un bel sacchetto alcuni oggetti che non riesco a vedere bene.
Sento solo il fresco di un lubrificante che si poggia contro l’ano, poi un dito subito seguito da un altro che ci entrano dentro, e per finire un plug che finisce di dilatarmi la porta del peccato.
Quando riesco a girare la testa vedo Donatella che si sta fissando in vita un gigantesco strap-on, e rimango sbalordita dalle dimensioni, perché saranno a occhio poco meno di trenta centimetri, che so già dove finiranno.
“Giulia riprendi bene la faccia di questa troia.” sento dire Donatella all’amica “Voglio vedere come gode mentre le sfondo il culo.”
La farmacista mi toglie senza alcuna grazia il plug dall’ano, poi sento la punta dello strap-on poggiarsi all’apertura dello sfintere e chiedo un po’ di pietà, pur sapendo che non sarò ascoltata. Da vera bastarda la bionda m’infila tutto il fallo dentro il culo con tre affondi molto violenti, che mi lasciano senza fiato.
“Troia perché hai smesso di leccarmi il culo !” mi rimprovera subito Stefania, costringendomi a continuare a sodomizzarla con la lingua.
“Dovresti vedere che faccia sta facendo la puttana !” le risponde Giulia “Ora però credo sia meglio che ti dia una mano a godere.”
Senza smettere di riprendermi mentre vengo di fatto violentata da Donatella, l’avvocatessa infila quattro dita nella passera di Stefania che poco dopo mi schizza il suo orgasmo in faccia.
“Adesso riprendila mentre la faccio venire.”
Giulia passa la videocamera a Stefania per poi mettersi quasi davanti a me, che sto iniziando a godere anche perché il dolore è quasi del tutto scemato, lasciando il posto ad un piacere che non avevo mai provato. La donna m’infila una mano fra i capelli per farmi inarcare la schiena, poi come aveva fatto con Stefania, mi penetra la fica con quattro dita messe a cuneo.
“Sì facci vedere come gode la troia.” le dice Donatella che non ha mai smesso di sodomizzarmi tenendomi saldamente per i fianchi, in modo da far scorrere tutto il fallo dentro il retto.
“Sii godo… spaccatemi pure tanto godooo !” urlo mentre raggiungo un violento orgasmo che mi lascia senza più forze, ma che accolgo come una liberazione.
Le tre donne quasi corrono per leccare il mio piacere che quasi mi cola lungo le cosce, poi come se non fosse successo nulla, Stefania va a prendere un’altra bottiglia di champagne che stappa per poter brindare a quella piccola orgia saffica.
“Ma voi siete sempre così ?” chiedo a Donatella mentre cerco di riprendere un minimo di forza.
“No però stasera c’era la novità e ci siamo lasciate andare. Diciamo che ci piace usare un certo tipo di linguaggio, che di solito senti in bocca agli uomini.”
“Comunque questo è per tuo marito, è il video della serata e credo non aspetti altro che vederlo.” mi dice Stefania passandomi una scheda di memoria.
“Come non aspetta altro ? Che cazzo stai dicendo” le rispondo in un misto di sconvolgimento e stupore.
“La realtà è che questa serata è proprio un’idea del tuo Pietro, che voleva vederti da tempo con un’altra donna. Solo che io gli ho proposto qualcosa di più piccante, e lui non ha fatto alcuna obbiezione, anzi era ben felice di sapere che non eri solo con una donna, ma con tre.”
Rimango impietrita per diversi minuti, ma poi mi rendo conto che da lui potevo aspettarmi questo ed altro. Stefania mi fa portare a casa la lingerie che avevo indossato, come premio per la mia maialaggine, e solo prima di tornare a casa, ho l’idea che fa fare un piccolo salto di gioia a tutte e tre le mie improvvisate aguzzine.
“La prossima volta mettiamo in mezzo Giulia.” propongo con un sorriso e non c’è bisogno di sentire la loro risposta.

Autore: Serena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *